Assicurazioni con franchigia: occhio alla clausola

Nei contratti stipulati con le assicurazioni, spesso ci sono delle particolari postille, delle particolari clausole, che pur sembrando innocue, superficiali, in realtà tutelano profondamente l’ente assicurativo, e sono delle clausole che, in caso di sinistro, l’ente assicurativo stesso non tarderà ad “applicare” per risparmiare il maggior denaro possibile al momento del risarcimento.

Una di queste clausole è sicuramente la famosissima “franchigia”, che potremmo definire come una falsa amica.
La presenza della franchigia nelle condizioni contrattuali, infatti, non aggrava il costo del premio annuale (ovvero la cifra che pagheremo annualmente), anzi, lo abbassa di una discreta somma.

Spesso infatti, quando un contratto è particolarmente conveniente in termini di “prezzi”, tra le varie clausole presenti c’è appunto, la franchigia.

Quest’ultima, in parole povere, obbliga l’assicurato a rimborsare di tasca propria il danno al veicolo/i,  il conducente/i o i passeggeri coinvolti nel caso l’entità dello stesso non sia particolarmente grave; in particolare nel contratto si accetta una franchigia di X €, dove quell’X € rappresenta il tetto massimo fino al quale sarà l’assicurato che dovrà “metter mano al portafoglio” per pagare i danni causati.

Se ad esempio, viene stipulato un contratto con franchigia di 1.000€, se il titolare si imbatte in un incidente non particolarmente grave, che necessità (ad esempio), un rimborso di 800€, dovrà essere il titolare stesso a rimborsare per intero la somma, in quanto l’assicurazione interverrà esclusivamente per rimborsi superiori ai 1.000€ (e sempre sotto il massimale).

Questo è il motivo per cui questa particolare clausola rende il contratto più economico, dato che (fortunamente) la maggior parte degli incidenti non sono particolarmente gravi (un paraurti da cambiare, una portella da riverniciare ecc.), pertanto questa clausola  comporta un netto risparmio per gli enti assicurativi.
Tuttavia, per il fatto stesso che  la maggior parte degli incidenti non comportano un rimborso eccessivo, dobbiamo decidere bene se usufruire di questa clausola, perchè è molto probabile che poi, ci ritroveremo a dover sborsare, oltre il costo annuale dell’assicurazione, anche un rimborso in caso di sinistro (insomma, oltre il danno la beffa…).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *