Polizza assicurativa autocarro

      Nessun commento su Polizza assicurativa autocarro

Nonostante quello che si potrebbe supporre, le polizze per autocarri non interessano soltanto coloro i quali possiedono un veicolo commerciale o un furgone o, ancora, un camion.
Anche alcuni automobilisti possono essere interessati a queste speciali polizze assicurative, soprattutto se sono in possesso di un auto che è immatricolata proprio come un autocarro. È il caso, infatti, che si verifica quando si possiede un fuoristrada di grossa cilindrata oppure un Suv.
Non sempre, tuttavia, si tratta di una soluzione vantaggiosa, anche se può essere utile prendere tale idea in considerazione, quanto meno per verificare che, a seconda delle proprie esigenze, non si stia spendendo troppo con una polizza assicurativa auto di tipo tradizionale.
Le assicurazioni per gli autocarri sono diverse da quelle tradizionali per quanto riguarda la modalità con cui avviene il calcolo del premio. Purtroppo, però, sembra più difficile avere delle informazioni adeguate sui costi, in quanto sono poche le compagnie assicurative che danno la possibilità agli utenti di calcolare un preventivo on line, anche a causa delle complessità di calcolo che sottostanno a questa tipologia di prodotto.
Il costo delle assicurazioni per gli autocarri è legato alla portata del mezzo, infatti, differentemente da quanto avviene per le auto, per le quali non si tratta assolutamente di un parametro preso in considerazione.
Di conseguenza, questo significa che la cilindrata dell’autocarro non assume alcuna importanza ai fini del premio da dover corrispondere, ragion per cui potrebbe essere interessante anche, come abbiamo avuto modo di dire in precedenza, per i possessori di suv.
Anche dal punto di vista delle coperture assicurative si avrà una sostanziale differenza rispetto a quanto avviene con le tradizionali rc auto. Le polizze assicurative per autocarri non garantiscono, in effetti, la copertura di qualunque incidente occorso durante il periodo di validità della stessa, ma solo di quelli che si dovessero verificare entro il limite massimo espresso nel contratto, generalmente per un massimo di tre all’anno, anche se potrebbe verificarsi il caso in cui si ambia diritto ad un rimborso anche solo per un sinistro.
Ciò significa che per tutti gli altri nei quali ci si dovesse trovare coinvolti, non vi saranno altre soluzioni se non quella di coprire di tasca propria l’ammontare esatto della spesa o versare un premio addizionale.
Molte compagnie assicurative, comunque, avrebbero deciso di includere la formula bonus malus anche per le polizze autocarri, equiparando così il meccanismo a quello degli altri veicoli a motore. Tuttavia, quale che sia la decisione in tal senso, di una cosa si può essere certi. Non esiste passaggio possibile tra classe di merito acquisita per l’auto e quella per gli autocarri o per i furgoni. Tutto da rifare, quindi, anche se si è automobilisti virtuosi.
Alla guida di un autocarro si ricomincerà comunque daccapo, non importa il risultato raggiunto in precedenza.
È chiaro che si tratta, quindi, di una grossa penalizzazione per chi si trova costretto a dover sottoscrivere una polizza assicurativa auto, ed è senza dubbio un particolare in più sul quale riflettere se si è possessori di un Suv e si è indecisi sul da farsi.
In caso di portate di diverse quintali, comunque, il costo per un’assicurazione autocarri è decisamente superiore a quello di una comunissima polizza auto, ma è altresì chiaro che si tratta di situazioni in cui l’uso commerciale del mezzo non può assolutamente essere messa in discussione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *