Polizze infortuni, conviene sottoscriverle?

      Nessun commento su Polizze infortuni, conviene sottoscriverle?

Le polizze infortuni sono molto utili in diverse circostanze: non è detto che servano solo a chi fa lavori pericolosi, ma possono risultare una buona soluzione anche nella vita di tutti i giorni, dato che prima o poi, un passo falso, lo si compie o lo si subisce. Non deve trattarsi di imprevisti necessariamente gravi: la serenità che offre le polizze infortuni è piuttosto ampia e adeguata a numerose circostanze. Ciò che conta, naturalmente è non scegliere un prodotto a caso, ma seguire alcuni consigli in modo da trovare il prodotto più adatto alle proprie esigenze e che è anche in grado di farci risparmiare. Per questo motivo è bene tenere a mente alcune caratteristiche che deve avere la “polizza perfetta”.
Tutti sappiamo che, con la sottoscrizione di una polizza, accettiamo di versare una certa cifra in cambio di un servizio da parte della compagnia assicurativa prescelta. In questo modo, possiamo ottenere un indennizzo tutte le volte in cui ci dovessimo trovare nelle circostanze contemplate dalla polizza stessa. In realtà, biosgna fare attenzione a questo punto ed essere molto chiari. Infatti, per un’assicurazione un infortunio non è un evento a caso, ma deve rispondere a dei requisiti ben precisi, senza i quali non si dà luogo al rimborso.
Ecco, quindi, che deve trattarsi di un evento casuale, e dunque non volontario nè programmato, essere di natura violenta, improvvisa e rapida, ed essere stato prodotto – questo evento – da una persona differente dall’assicurato. Inoltre, l’infortunio per essere considerato tale e soprattutto per poter essere indennizzato, deve anche provocare una precisa limitazione fisica, non importa se duratura o temporanea.
Prima di stipulare la polizza infortuni, il nostro consulente ci chiederà alcuni dettagli personali: servono ad avere una stima dei rischi e, quindi, del premio che ci toccherà pagare. È importante rispondere in modo sincero, a partire dal tipo di attività lavorativa che si svolge. Se, infatti, nel momento in cui si dovesse verificare un infortunio, ci si dovesse accorgere che le risposte date in precedenza erano delle palesi falsità, la compagnia assicurativa può anche decidere di non procedere con il rimborso e recedere dal contratto. In altri casi, viene corrisposta solo una parte del massimale pattuito.
Attenzione anche alle limitazioni. Le polizze infortuni presentano delle clausole esclusorie ben precise, per cui è bene leggere sempre con attenzione il contratto che si sta per firmare.
Ad esempio, è molto comune che ci possano essere dei problemi con l’applicazione di determinate opzioni se ci si trova all’estero, soprattutto al di fuori dell’Europa. In diversi casi, non vi è il riconoscimento di una diaria giornaliera se non in caso di ricovero in ospedale. Ma a quali compagnie rivolgersi per ottenere un preventivo di spesa? Le possibilità sono numerose, alcune tra quelle più note sono certamente: Axa, Europ Assistence, Filo Diretto, Fondiaria, Generali, Genialloyd, Ina Assitalia, Posteassicura, Rsa, Sara, Reale Mutua, Toro, ubi, Unipol Ugf.
Ricordiamo, infine, che tra le esclusioni può figuare anche quella relativa agli incidenti avvenuti con la patente non rinnovata, quelli causati ad un individuo sotto l’effetto di alcol o droga, quelli legati ad uno stile di vita sedentario o ad una dieta sbagliata e dannosa per la salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *