Come cointestare auto e rca

      9 commenti su Come cointestare auto e rca

Un’auto può, com’è ovvio, avere più di un proprietario, regolarmente iscritto con il contestatario sul libretto. Nel caso in cui il veicolo in questione non abbia un unico proprietario, ma due o più, sorgono però una serie di problemi legati principalmente alla disciplina legata alla polizza rc auto. In effetti, in merito, la normativa non risulta essere molto chiara e, di conseguenza, il rigore lascia spazio ad un insicuro e timoroso fai da te.

Purtroppo, sembrerebbe quasi che per la legge, l’eventualità in cui si ha un veicolo cointestato sia così poco frequente da non essere preso in considerazione, nonostante nella vita di tutti i giorni ci si ritrovi poi nella difficoltà di gestire una situazione ancora abbastanza comune.

Non va trascurato, poi, che molti dei contrattempi burocratici sono dovuti ad una differente e vecchia interpretazione, legata alla normativa ancora non aggiornata, secondo la quale il legame tra intestatario di una polizza e proprietario del veicolo era, invero, molto meno sentito e necessario. Ciò permetteva di acquistare un’auto a nome di più persone e procedere alla stipula dell’assicurazione solo per uno dei proprietari.

Oggi, invece, la situazione è leggermente diversa. Acquistando un veicolo con più intestatari, la polizza assicurativa dovrà tenere in conto della presenza degli altri proprietari e, quindi, il calcolo del premio avverrà basandosi, purtroppo, sulle caratteristiche dell’intestatario che offre il minor numero di garanzie.

Ciò significa che se, ad esempio, la vettura viene comprata da padre e figlio insieme, per effettuare il preventivo dell’rc auto, la compagnia assicurativa prenderà in considerazione la presenza del figlio neopatentato, o comunque, si baserà in primo luogo sull’età del più giovane.

Non importa ciò che poi sarà riportato sulla polizza, dato che potrebbero comparire entrambi i conitestatari o anche uno solo dei due: ciò dipenderà dalla linea adottata dalla compagnia d’assicurazione, ma non modificherà la sostanza del contratto e, anche in seguito, si dovrà sempre tener conto della doppia proprietà di veicolo e polizza. Dunque, fin tanto che lo status quo rimane inalterato, non si dovrebbero più verificare problemi di sorta; ma nel momento in cui si avesse la necessità di apportare delle modifiche, si dovrà tornare a fare i conti con le prassi burocratiche di certo poco snelle che la doppia intestazione comporta.

Per essere certi di effettuare i passaggi giusti, è importante farsi seguire da un esperto del settore, consulente o broker, ma qualche idea in merito ce la si può comunque fare in anticipo, magari leggendo qualche consiglio e qualche soluzione pensata per i casi più comuni.

Per esempio, se l’auto andasse rottamata o venisse venduta, la classe di merito acquisita passerebbe sulla nuova vettura acquistata, senza alcun problema. Questo può avvenire perché l’Isvap si è pronunciata in merito, decretando come i diritti migliorativi che si ottengono con il trascorrere del tempo e un comportamento virtuoso, devono essere mantenuti quando gli intestatari diminuiscono ma non quando aumentano.

Attenzione però: la classe di merito non potrà valere per entrambi i vecchi cointestatari ma solo per uno di essi, mentre i rimanenti saranno obbligati a firmare un atto con il quale dichiarano di rinunciare a tale beneficio.

9 thoughts on “Come cointestare auto e rca

  1. Patrizia

    In relazione a quanto riportato sopra volevo chiedere una delucidazione:
    Nel 2005 io e mio padre cointestanno un auto.L’assicuratore spostò su questa auto la polizza con la prima classe di un auto che mio padre rottamò. Per cui l’auto nuova cointestata tra me e mio padre aveva una polizza solo intestata a lui.
    (Era corretto, o occorreva che l’auto dovesse essere assicurata con la 14 classe perchè io cointestataria non avevo polizze pregresse?)
    Ora che vogliamo rottamare quest’auto, posso con il consenso scritto di mio padre, spostare questa polizza sulla mia nuova auto intestata solo a me?
    L’assicuratore dice che per fare ciò dovrei pagare per i 6 anni trascorsi la differenza delle cifre tra la 14 (13, 12,111..per gli anni successivi) classe a cui secondo lui dovevo stare e la prima riconosciuta.
    A me sembra molto strano.
    Per piacere potreste darmi una risposta tempestiva, visto che la mia nuova tanto desiderata auto è arrivata e non posso ritirarla senza polizza?
    Grazie mille in anticipo..spero di esser riuscita a spiegare qst situazione ingarbugliata.

  2. Pingback: Problema assicurazione da macchina cointestata - Suv.it

  3. mario

    io ho comperato la macchina nuova e abbiam cointestata io e mia moglie ,perche l’assicurazione non mi passan la mia ma ne fanno una nuova ,perdendo gli sconti che avevo guadagnato in 20 anni senza incidenti .grazie

  4. Luigi

    Buona sera,io e mio figlio abbiamo un problema!!!
    Mi spiego meglio,voglio capire come mio figlio può acquisire la mia classe di merito RCA, .Per la legge Bersani si può cointestare l’auto che dovrà acquistare con me in modo che al successivo acquisto lui possa portarsi dietro la mia classe di merito?Mio figlio attualmente ha un’altra residenza,quindi non fa più parte del mio nucleo familiare.Grazie per una vostra gentile risposta

  5. umberto

    Buongiorno a tutti, vorrei acquistare una nuova utilitaria e dovendo intestarla a mia madre per fatturare l’iva agevolata, così come prevede la legge 104, vorrei cedere in permuta la mia auto a me intestata, e transitare la mia polizza RCA sulla nuova. A questo punto non vorrei dover cancellare il mio nome dalla polizza, in quanto perderei i benefici della classe. Contrarre la polizza a nome di mia madre,conserverei la classe si, ma con tariffazione Bersani con il premio quasi triplicato. Sono però a conoscenza che per legge la polizza RCA deve essere intestata a colui il quale è intestatario dell’auto. In pratica ho fatto già dei preventivi, ma a meno di svenarmi, non sembra esserci soluzione che intestare tutto a mia madre titolare della legge 104. La legge Bersani sembra essere stata aggirata dalle compagnie: infatti esisterebbe una tariffazione “Bersani” al cubo, ed una “normale” nel caso l’acquisto e la proprietà rimarrebbe a me, ma come ho spiegato, pagherei l’auto senza agevolazioni iva .In conclusione potrei chiedere di lasciare la polizza intestata a me, e l’auto intestarla mia madre?

  6. sergio

    Salve ho un auto intestata a me e nn ho ancora fatto un assicurazione poiché non ho trovato nessuna che mi conviene. Io ho 21 anni e mio padre 50. Ho pensato di intestare l’assicurazione a mio padre o cointestarla. Per me sarà la prima assicurazione mentre mio padre é il 1 classe da tempo… avendo residenza diversa non posso usurfruire della legge bersani. Come posso fare per risparmiare sull’rc auto? Help please. Grazie in anticipo

  7. Daniela

    Salve, sono proprietaria di un automobile e vorrei ora che mio figlio ha 18 anni intestarla a lui che però non ha ancora la patente. Posso farlo o deve essere un passaggio di proprietà?
    Grazie

  8. alexandra

    Salve, ho una domanda, visto che ho 2 auto intestate a mi mama pero anche a me, sia il atto di proprieta sia la asigurazione, vorrei sappere se nel caso la mi mama fosse deceduta le macchine passano a nome mio? Ho che dovrei fare per passare le macchine a nome mio? Aiutatemi e urgentr. Grazie.non so piu a chi rivolgermi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *